uN dIaBeTe RaP

biagioDa qualche settimana, sul web è possibile ascoltare una canzone dal titolo “Il Diabete Rap”. L’autore e cantante è Biagio Barletta, un amico che ha il diabete di tipo 1. Da anni Biagio è impegnato in una campagna di sensibilizzazione per far conoscere questa patologia.

Biagio, come è nato “Il Diabete Rap”?

La versione integrale è nata tutta in una notte. Da sempre a me piace cantare e adoro la musica . Allora ho provato a immaginare come sarebbe stato raccontare la nostra patologia con una canzone . Ho buttato giù le strofe in rima di getto ed è venuta una versione di 7 minuti che copriva a 360° tutti gli aspetti della nostra patologia.

Un rap che viene dal cuore quindi. Qual è l’idea centrale del pezzo?

L’idea è quella di raccontarci a tempo di RAP, che considero il genere migliore per questo tipo di comunicatività sociale. Vorrei poter contribuire ad abbattere muri di ignoranza, disinformazione, discriminazione, ingiustizie, errori che ancora purtroppo caratterizzano molti aspetti della nostra patologia.

Che risposta hai avuto dalle persone?

La versione integrale è circolata per un po’ sulla rete dove ha ottenuto molti consensi . Poi, durante la settimana della Giornata Mondiale del Diabete, sono stato invitato, insieme con AGD Lecco, a parlare in diretta radiofonica nella redazione di una Radio di Lecco in una trasmissione dedicata al diabete tipo 1 . Nella mia biografia ho inserito il mio Rap e mi hanno proposto di cantarla in diretta. Da qui ho estratto la versione radio di 5 min con quelle che mi sembravano le strofe più salienti, modificandole anche in base alle impressioni che nel frattempo avevo ricevuto sulla versione originale.. Ho visto da subito che la cosa piaceva, benchè di scarsissima qualità non essendo io un professionista , perchè il messaggio arrivava, tanto che mi hanno invitato ad una seconda trasmissione in diretta. Nel frattempo la versione Radio è diventata video della diretta radiofonica, suoneria mp3 per cellulari, video youtube anche con testo in modo da poter raggiungere il maggior numero di persone. Momenti bellissimi della condivisione sono stati il 14 Novembre mattina a Lecco quando ho cantato live alle scolaresche invitate al convegno/dibattito AGD Lecco , e sera in teatro davanti a centinaia di persone tra cui genitori bimbi e ragazzi.

Un successo quindi. Cosa bolle ancora in pentola?

Ora registrerò in studio la versione distribuibile per la raccolta fondi per la ricerca e per le iniziative delle associzioni a supporto dei pazienti e  delle loro famiglie.

Ecco il video, affinché, come dice Biagio, “un dì possa dire qualcuno, avevo il diabete di tipo 1″.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...