è SoLo UnA cElLuLa

alessioginevra

Pubblico con grande piacere questa lettera della mia amica Giorgia.

“Si avvicina la Giornata Mondiale del Diabete e ogni anno, come fosse capodanno, tiro i remi in barca. Ormai sono cinque anni e passa di malattia e se penso ai primi momenti capisco che tante cose sono cambiate e che tante cose ancora cambieranno. La vita mi ha portato volente o nolente, a riflettere su quali priorità sono davvero importanti. Quali urgenze gestire, quali esperienze vivere, quali amicizie avere. Nel tempo sono diventata selettiva, esigente, molto più sensibile a me stessa. E ci voleva. La prima fase è di sconforto totale. La seconda fase è “gratta fondo”. La terza fase è l’isolamento. La quarta fase è la reazione. La quinta è “forse è ora di riemergere”. La sesta fase è tornare a socializzare. La settima fase è socializzare scremando chi non capisce. L’ottava fase è tenersi stretti quelli che capiscono. La nona fase è gestire le priorità: chi davvero conta e quanto. E intanto Ginevra cresce. Le crisi sembrano più rare. Non che non ce ne saranno, ma il seme messo sotto la calda terra, la terra fatta di consapevolezza, serenità, responsabilità sta germogliando e crescendo forte e sano. Sano. Il seme è sano. Questo è ciò che ora davvero conta. Perché se la malattia è un’ombra che segue chi la vive, cerca sempre di risucchiarti in un angolo fatto di angoscia, paura, non fiducia nel futuro. E invece devi essere più forte di qualsiasi ombra. Falle l’occhiolino Ginevra! E sarai più forte, più forte di tutto e di tutti. Non temerla! Rispettala come rispetti te stessa, ma lasciala lì. Vivila, ma difianco. Non deve mai stare davanti a te. Tienila stretta, per mano. In modo che ad ogni passo sia vicina, non distante, ma senza poterti guidare. Tu guidi lei. Tu decidi. Tu pensi. Ti manca solo una cellula. Non ti manca nient’altro. Solo una piccola, minuscola, insignificante cellula beta. Questa cellula non deve influenzarti, non deve essere la protagonista di te stessa. Guardala. È così piccola. Piccolissima. E una cosa così piccola, non deve e non è possibile che possa dominare chi sei. Tu sei tu. Anche senza la tua cellula. Sei una bambina come tutti. Esattamente come tutti. E come tutti, devi vivere le tue esperienze di vita senza indugio, senza rimorso, senza dolori afflitti. La cellula ci proverà! Eccome se ci proverà! A ricordarti che non sei come gli altri. Ad impedirti di fare le cose come gli altri. Ma il tuo seme che ora è caldo caldo e germoglia, crescerà come una quercia: saldo, imponente, con i rami alti alti che abbracceranno il cielo. Vuoi che una piccola cellula possa abbattere una quercia?! Impossibile! Una piccola cellula non può avere tutta questa forza. E anche quando cercherà di farti tornare giù, mentre tu sarai a fissare il cielo, la guarderai sorridendo e andrai avanti senza paura. Perché quella cellula piccola, non deve farti paura. No. Imparerai che tante altre cose, nella vita, fanno davvero paura. La mancanza di amore. La mancanza di affetto. La mancanza di amici veri. E piangerai. Eccome se piangerai. Ma non sarà per la tua cellula. Sarà perché capirai come vanno le cose. E riderai. Eccome se riderai. E riderai non per la cellula, ma per tutte le meraviglie che vivrai. Anche senza di lei. Lei manca. Certo. Ma non mancherà niente altro, se tu lo vorrai. Niente altro. Io ti terrò sempre la mano. Io da un lato. Il diabete dall’altro. E guarderemo insieme la malattia sedute sulla nostra quercia. A fissare il cielo. A pensare a quanto ancora di meraviglioso ci sarà da vivere, da ridere, da sperimentare. E niente ci potrà fermare. Niente ti potrà fermare. Non permettere mai ad una piccola cellula, di toglierti il sorriso. Mai. Tienilo stretto, il tuo sorriso. E così lei non potrà mai vincere sulla tua vita. Vincerai tu, vinceremo noi. Vinceremo insieme.”

di Giorgia Chiarelli

Per la foto, ringrazio http://jdrf.org/t1dlookslikeme/ 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...