eMmA, gLi AdOlEsCeNtI e Il dIaBeTe..iL fILm

emma

Emma è una bella ragazza solare di 16 anni. La conosciamo qualche anno fa, ad una giornata sul diabete organizzata a Bologna. E’ seduta davanti a noi e ogni tanto si gira verso Alessio e gli sorride. Lo fa ridere, gli fa gli scherzi, sono subito in sintonia. Poco distante da Emma c’è la sua mamma, Milena, che mi colpisce subito per il suo sguardo rassicurante e per come riesce a stare vicino e lontano al tempo stesso ad una figlia che forse comincia a chiedere giustamente i suoi spazi. All’epoca Emma ha 13 anni e Alessio solo 3.

Ci teniamo in contatto, sentendoci qualche volta per confrontarci, aspettando l’occasione giusta per rivederci, e finalmente qualche giorno fa siamo riusciti ad organizzarci e ci siamo rivisti!

Emma è ancora solare, allegra di un’allegria contagiosa e Milena, un passo indietro, la guarda e la guida senza mai essere invadente. E’ orgogliosa della sua bambina ormai diventata ragazza e di come affronta con maturità il diabete, gestendolo con caparbietà e attenzione, accettando il margine d’errore e l’imprevedibilità che purtroppo si cela in ogni attimo delle nostre giornate. Emma è autoironica, ci fa morire dal ridere quando ci mostra un video in cui il fratello maggiore fa finta di telecomandarla avendo attaccato il telecomando della Wii al suo microinfusore!

Emma, adesso, è anche un’attrice. Tra pochi giorni, infatti, girerà insieme ad alcuni suoi coetanei un film documentario sulla gestione quotidiana del diabete durante l’adolescenza.

Il tutto diretto da un regista emergente toscano che ha esordito lo scorso aprile con il suo primo film.

Questo film documentario sul diabete di tipo 1, di cui ancora non conosciamo il titolo, è stato voluto fortemente da un noto ospedale pediatrico.  Uscirà presumibilmente entro il 14 novembre, in occasione proprio della giornata mondiale del diabete.

La realizzazione si sta articolando in vari passaggi. Inizialmente è stato organizzato un laboratorio di idee con i ragazzi coinvolti. Successivamente il regista, insieme agli sceneggiatori e ad un addetto stampa ha incontrato ogni singolo ragazzo e in seguito è andato a trovare ognuno dei futuri protagonisti a casa loro per conoscere la famiglia e osservare dove vivono.

Nei prossimi giorni inizieranno le riprese, prima a casa dei ragazzi e poi, l’11 e il 12 settembre, in un rifugio sulle alpi Apuane, dove i ragazzi si ritireranno per la maggior parte delle riprese.

Emma, sei emozionata? Sei pronta?

Si sono prontissima ed emozionatissima, dopo aver fatto la prima parte di riprese ora capisco come funzionano le cose e quindi mi sento molto emozionata e molto felice di far parte di questo “team” (se possiamo così definirlo), poiché come dici tu del Diabete di tipo 1 bisogna parlare ancora molto.

Da parte nostra, un grandissimo in bocca al lupo, e speriamo che questo film documentario  abbia grandissima diffusione, perché di diabete di tipo 1 bisogna parlare, parlare e ancora parlare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...