nOi DiAbEtIcI dI tIpO 1 – gIoRnAtA mOnDiAlE dEl DiAbEte

Oggi, 14 Novembre è la Giornata Mondiale del Diabete, questa data è stata scelta perche è l’anniversario di Frederick Banting che con Charles Best hanno per primi sviluppato e scoperto l’origine dell’insulina nel 1922.

Riporto i commenti più significativi che ho raccolto tra amici e conoscenti.

“Molti credono di sapere tutto sul diabete, quasi tutti pensano che venga solo a chi mangia troppo. Non è vero, il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune che insorge soprattutto durante infanzia e adolescenza, ma può venire ad ogni età. Non esiste una cura, solo un trattamento a base di iniezioni di insulina da fare più volte al giorno, tutti i giorni, per tutta la vita. Questa malattia non si può prevenire in alcun modo e non è causata da un’alimentazione scorretta.” – Serena Sanna

“In tv e in radio parlano di prevenzione e di gratuiti accertamenti sullo stato di rischio con annesse informazioni sul corretto stile di vita da adottare per non contrarre la malattia…tutto bello, tutto encomiabile, tutto giusto, tutto equivoco…..si, equivoco, perché di forme di diabete ce ne sono più di una ed hanno eziologia e connotazioni ben diverse. Parlare di diabete è importantissimo ma lo è altrettanto parlarne correttamente. Nei termini sopra descritti si fa riferimento al diabete tipo 2 ed allora diciamolo, sottolineiamolo! Dire “tipo 2″ porta via un secondo….perché, gente, il tipo 1 è autoimmune ed esordisce a prescindere dall’esercizio fisico e dall’alimentazione. Facciamo informazione ma facciamo anche chiarezza!” (cit.)

Di seguito, sperando di aiutare a fare un po’ di chiarezza, riporto un bellissimo video che ha ideato e realizzato Serena Sanna!

E come ha detto ieri il Prof. Camillo Ricordi, “per tutti quelli che credono ancora a Babbo Natale e che si possa dire NO al diabete di tipo 1”, ecco il video:

Questo il commento del Prof. Ricordi al video: “… e grazie a tutti i pazienti che hanno contribuito a questo video che dovrebbe servire da insegnamento a presunte organizzazioni “professionali” e presunti “specialisti”, su come si dovrebbe fare informazione e non DISINFORMAZIONE, quando si celebra in questa giornata chi soffre in attesa di una cura definitiva e chi rifiuta l’ideologia dei cerotti sulle ferite che non si rimarginano mai, cerotti che sostengono un’ industria da 256 miliardi all’anno nei soli Stati Uniti e che vede un mercato in espansione dagli oltre 350 milioni al mondo agli oltre 500 milioni previsti entro 20 anni. La mia solidarietà in questa giornata mondiale per il diabete va a chi cerca di sconfiggerlo e alle decine di milioni di pazienti che convivono ogni giorno tra mille difficolta’ con le forme piu’ gravi di diabete, come il diabete di tipo 1, autoimmune, che nulla a che fare con alimentazione e stile di vita, che può colpire chiunque, a qualsiasi eta’ e che nella stragrande maggioranza dei casi colpisce famiglie che non hanno mai avuto un caso diagnosticato in precedenza.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...